Dott.ssa Camilla Di Virgilio psicologa psicoterapeuta a Firenze

Da oltre dieci anni esercito la libera professione di psicologo e psicoterapeuta a Firenze; mi occupo prevalentemente di psicoterapia individuale, oltre che di terapia di coppia e familiare e di consulenza e supporto psicologico.

camilla di virgilio psicologa psicoterapeuta a firenze

Mi sono laureata presso la Facoltà di Psicologia di Firenze e, dopo l’iscrizione all’Albo dell’Ordine degli Psicologi della Toscana (n. 4065), ho scelto di specializzarmi in psicoterapia sistemico relazionale presso il CSAPR – Centro Studi e Applicazione della Psicologia Relazionale a Prato, per conto del quale, successivamente, ho tenuto alcune lezioni a tirocinanti.

Come psicoterapeuta sistemica leggo il problema del paziente dal punto di vista relazionale: il disagio psicologico di un individuo coinvolge direttamente il soggetto, ma anche le relazioni che intrattiene o che ha intrattenuto in passato con altre persone.

Amo la mia professione e la svolgo con senso di responsabilità, aggiornandomi costantemente.

Collaboro con SmartFamilyCare, associazione a sostegno della famiglia con sede a Prato, di cui sono socio fondatore. I professionisti di SmartFamilyCare offrono supporto multidisciplinare (relazionale, legale e di mediazione ed anche fiscale) per la più efficace gestione dei momenti di crisi familiare. Per SmartFamilyCare sono il riferimento per la psicologia e la psicoterapia e tengo corsi di formazione.

“Spesso mi si domanda per quale ragione si sceglie questo percorso professionale così lungo e faticoso. Le caratteristiche personali di disponibilità verso l’altro, piacere nell’ascolto, capacità di prendersi cura e di essere empatici hanno un enorme valore e devono essere presenti in partenza, ma occorre anche buona volontà: un quinquennio universitario, un anno di tirocinio post laurea, l’iscrizione all’albo dopo l’esame di stato e infine una scuola di specializzazione quadriennale, con relativo esame finale…bisogna proprio amarla, questa professione, per dedicare alla formazione più di un decennio della propria vita. Senza contare l’aggiornamento professionale successivo.
Al di là dell’impegno per conseguire i titoli, esiste anche una fatica legata alla presa in carico, se si vuol lavorare con senso di responsabilità; fatica bilanciata, però, dalla bellezza di una professione che consente di scendere in profondità e dialogare intimamente con le persone, sperimentando la reciproca fiducia. Una professione unica.” – Intervista radio marzo 2016